Arredare spazi co-working in hotel. Ecco le soluzioni scelte da we:ll magazine a Workplace3.0.

Il tema principale di Workplace3.0, sezione dedicata ai luoghi di lavoro del Salone del Mobile 2022, è stata la flessibilità, oltre che l’attenzione per l’ambiente, linea guida di questa sessantesima edizione. In linea con le mutate esigenze lavorative, ecco alcune proposte facili, ideali per arredare spazi co-working in hotel.

Sopra, Be-On. Sotto, il sistema di soft seating Skylan by Segis.

Be-On by Archirivolto Design per Segis è un sistema di poltrone e divani che ha nel proprio DNA l’estrema flessibilità. La molteplice composizione crea spazi di diverse dimensioni e forme, che possono essere racchiusi o liberi. Seduta, schienale e pannelli in diverse altezze vengono uniti per creare luoghi raccolti anche per più persone.

Sempre di Segis, Skylan rappresenta un nuovo tipo di design nel “soft seating”. Concepito come un sistema di panche semplice ma versatile, Skylan crea atmosfere aperte e invitanti negli spazi contract. Imbottiture visibilmente morbide e schienali generosamente proporzionati possono essere configurati per suggerire spazi individuali o luoghi in cui sedersi insieme. Le singole unità creano originali isole private in spazi di transizione, mentre i moduli più grandi possono essere collegati per aree di attesa o atri spaziosi. I tavolini con prese di ricarica a induzione aggiungono funzionalità al sistema, consentendo una ricarica rapida e una superficie per il lavoro o per un caffè.

Le Mura di Mario Bellini per Tacchini. ph. Andrea Ferrari.

Un classico non tramonta mai e Tacchini l’ha ben presente tanto che per il Salone del Mobile 2022 ha rieditato, a 50 anni dalla sua uscita e con la partecipazione diretta di Mario Bellini, il divano modulare Le Mura per libere composizioni di vere isole di relax ma anche di lavoro comodo e informale. Un grande ritorno reso più contemporaneo dai nuovi materiali e dettagli.   

È una libreria completamente richiudibile la proposta di Lapalma firmata da Giuseppe Bavuso. Jazz è un elemento d’arredo che s’impone per la leggerezza e la casualità della sua struttura, simile a quella della musica da cui prende il nome, che non ne inficia la solidità.

Collezione di pannelli fonoassorbenti con struttura autoportante Patch di truedesign, disegnata da Defne Koz e Marco Susani, è stata proposta nella nuova declinazione in legno: pannelli in multistrato di faggio, con finitura rovere o noce. La struttura autoportante permette l’inserimento dei singoli elementi che possono ruotare liberamente su se stessi, aprendosi e chiudendosi a seconda delle esigenze e di qualsiasi ambientazione

L’analisi del contesto sociale e lavorativo ha indirizzato Fantoni alla realizzazione di una collezione funzionale ai mutamenti progettuali e alle variate esigenze di socializzazione, sempre meno “individuale” e più meeting. Meet Up, i tavoli regolabili in altezza sia elettrici che manuali, assolvono a funzioni molteplici rafforzando il concetto di ibridazione degli ambienti. L’aspetto monolitico viene equilibrato da contenitori alti e bassi e da finiture come il marmo Calacatta o Noir.

Dalla nuova collaborazione tra Gordon Guillaumier e LaCividina nasce Twirl, il divanetto singolo che razionalizza gli elementi di seduta, scrittoio e schermatura nel semplice gesto di un vortice irregolare. Un’accogliente nicchia privata che risponde a un modo più libero ed essenziale di concepire gli spazi del lavoro. Fulcro della struttura è il piccolo piano d’appoggio, dotato di prese elettriche e usb, dal quale si origina una spirale sottile, che avvolge lo scrittoio e la seduta, con la doppia funzione di schienale e paravento.

La nuova parete divisoria scorrevole con apertura telescopica sincronizzata della collezione Privé è la novità di IOC project partners by Krzysztof Miksza. Un sistema di moduli in vetro e con pannelli in legno dall’esile telaio in alluminio che si muovono in modo simultaneo, agile e silenzioso garantendo la corretta sovrapposizione dei moduli stessi.

Franny & Zoey di Dieffebi è un desk dalle forme essenziali con colori d’ispirazione naturale e pannello fonoassorbente che personalizza la postazione. A completamento uno sgabello imbottito dalle forme arrotondate quasi come una toilette da camera

Lo stelo asimmetrico metallico e il top a sbalzo caratterizzano il tavolino Oell, disegnato da Jean-Marie Massaud per Arper, facilmente dissamblabile. Elemento scultoreo che si slancia a partire da una robusta base cilindrica ispirata alla pietra. Due le altezze e i diametri del top in contrapposizione alla versatile palette di finiture e colori, tutti studiati per permettere la combinazione degli elementi in base all’ambientazione. Il top è disponibile in MDF bianco o grigio antracite, oltre al gres porcellanato nelle colorazioni chiare o scure.

Sostenibilità al 100% con la poltrona “cocoon” Reef di Connubia realizzata con il riciclo delle plastiche recuperate del mare. Reef fa parte del programma Greenbow di Calligaris Group che sviluppa, produce e distribuisce prodotti ecosostenibili integrandoli a un sistema aziendale che mira a ridurre l’impatto ambientale.

Dall’esterno all’interno. Il sistema Drys di FI-MA di Masini & Figli si arricchisce della versione con sedute imbottite per consentire la sosta prolungata anche negli spazi interni. Uno spazio ben definito ma leggero con struttura in acciaio verniciato a polvere. Le sedute sono integrate alla struttura con la possibilità di installare corpi illuminanti e anche il pavimento. Un gazebo moderno che può essere facilmente ambientato in base alle diverse esigenze.

Un maxi tappo di sughero diventa seduta o tavolino aggiuntivo. Corker di ClassiCon by Herzog & de Meuron è un talento che si adatta in bene in qualsiasi ambiente. Tre le dimensioni a disposizione in sughero scuro impregnato, fresato da un blocco unico.

Insonorizzazione a tutto colore per Slalom con l’incastro di forme in feltro pretagliate che raffigurano animali e piante, pannelli termoformati e pannelli in fibra fonoassorbente realizzati a mano, tutti con materiali riciclati e riciclabili, per creare una composizione a parete viva e divertente che attutisce i rumori.

Foto di apertura, Couchette di LaCividina.