Insieme è perfetto. Food for dogs ha pensato proprio a tutto: un welcome kit per l’ospite che viaggia con il cane; un servizio di accoglienza da offrire ai propri cliente. Oggi quello che conta è differenziarsi.

Chi ha un cane lo sa, l’amico a quattro zampe fa parte della famiglia. Secondo la fonte Assalco -Zoomark  il 94,9 % delle persone che hanno un cane o un gatto lo pensano [mi domando cosa pensi il restante 6,1%]. E il 21% della popolazione italiana ha un cane. Sono grandi numeri e in continuo aumento, considerando che nel 2020 3,5 milioni di italiani sono andati in vacanza con il proprio cane, secondo uno studio dell’Istituto di ricerca EMG ACQUA, e nel 2021 questo dato è più che raddoppiato raggiungendo la cifra di 8,5 milioni (Istituto di ricerca mUp Research e Norstart, luglio 2021). Grazie a un aumento dell’hospitality pet friendly e a un cambiamento in atto della società, chi viaggia con il cane sceglie sempre più spesso di andare in hotel ed è anche disposto a pagare di più. E quanto può essere apprezzato da proprietari di cani trovare in albergo un kit di accoglienza per il proprio amato peloso? Vi assicuro: tanto.

Per la proprietà transitiva chi vuole bene a me, vuole a bene al mio cane e viceversa, l’accoglienza allargata diventa uno strumento di fidelizzazione. Spesso gli hotel si definiscono pet friendly perché accettano i cani ma in realtà non offrono nient’altro. La start up Food for dogs sta lavorando per creare uno standard con criteri minimi per poter definire un hotel veramente pet friendly.

Food for dog, nata nel 2018 dall’idea di due amiche, Sara e Roberta, ora socie, crea meravigliosi welcome kit studiati appositamente per gli albergatori che vogliono fare la differenza.

“L’idea nasce da una mia esigenza personale” spiega Sara, “ avendo sempre avuto cani, ho pensato che sarebbe stato bello che il mio cane potesse mangiare al ristorante insieme a me. Abbiamo ideato quindi il doggy lunch box, da scegliere in un bau menu al ristorante: una scatola in cartoncino alimentare che contiene un hamburger in una confezione alluminata. Una volta aperta, la scatola diventa una ciotola ”.

La medaglietta con scritto il nome e il telefono dell’hotel.

Da qui la proposta cresce e oggi comprende una linea di allestimenti studiati appositamente per strutture ricettive composta da cuscini di varie dimensioni, trapuntini per letto, ciotole e sottociotole.  Cuscini e trapuntini sono fatti a mano, in Italia, eleganti, lavabili, sfoderabili e personalizzabili con il logo dell’hotel come anche le ciotole. In fase di studio anche un kit per gli hotel situati in località di mare e di lago, con un kit che comprende un accappatoio e shaampoo secco per lavare il cane prima di tornare in camera. Un’idea intelligente di merchandising che si rivolge ad albergatori di fascia alta: “Siamo partite da qui perché i luxury hotel sono più sensibili ad accogliere le novità e intenzionati a proporle al cliente per differenziarsi.”

Il trapuntino e la pochette in cotone.

E il circolo è virtuoso: più aumenta la domanda dei viaggiatori con cani e più aumenta l’offerta.

FOOD FOR DOGS vi aspetta al TTG | dal 12 al 14 ottobre Fiera di Rimini | Padiglione A1 area Next.