Non è la prima volta che Portorico subisce un impatto negativo sul turismo per cause esterne, non controllabili. È successo anche nel 2017, quando l’uragano Maria provocò sull’isola distruzioni, danni enormi e migliaia di perdite umane. Eppure, dopo soli tre mesi dalla catastrofe, Portorico riaprì al turismo, dimostrando una capacità di reagire encomiabile.

La pandemia non ha certamente spaventato Discover Puerto Rico – la DMO dell’isola caraibica – che ha saputo reagire rapidamente alle restrizioni e all’assenza di visitatori internazionali e ha riformulato una strategia improntata su un ricco calendario di appuntamenti virtuali, legati alla cultura del luogo. Così da marzo, direttamente da casa propria, chiunque può vivere una serie di esperienze online, come una lezione di cucina con un celebre chef locale, una sessione di yoga con vista sull’oceano o un tour virtuale nella El Yunque National Forest.

Abbiamo chiesto a Leah Chandler, Chief Marketing Officer a Discover Puerto Rico, come hanno lavorato a livello strategico in questi mesi.

Durante il lockdown, come Discover Puerto Rico, come avete reagito?
La grande resilienza del popolo portoricano – abituato ad emergere dalle sfide ancora più forte di prima – ha davvero brillato durante questo periodo e lo spirito di collaborazione è stato forte in tutto. Alla fine di marzo, Discover Puerto Rico ha invitato il mondo a fuggire sull’isola, virtualmente, attraverso il lancio della nostra serie online Vacanze Virtuali.

La serie è stata inoltre utilizzata per presentare le attività commerciali locali, un modo per Discover Puerto Rico di supportare la comunità turistica mentre la maggior parte degli operatori era senza lavoro o le loro attività erano chiuse. Le persone di tutto il mondo hanno potuto assistere ad esibizioni di alcuni dei migliori talenti portoricani e si sono immersi nella nostra cultura attraverso seminari, eventi virtuali e lezioni online tra cui una di salsa via YouTube con Tito Ortos, direttore del Salsa Dance Program di San Juan.

A oggi, la diffusione è stata di oltre 480 media placements e 1,1 miliardi di impressions. La serie è stata accolta molto bene e siamo stati felici di portare un assaggio di Portorico direttamente nelle case delle persone.

Quali strategie state applicando ora?
Portorico sta incoraggiando solo i viaggi essenziali in questo momento e ha rinviato la riapertura ufficiale del turismo inbound per salvaguardare visitatori e residenti. Una valutazione continua della situazione nell’isola e negli Stati Uniti influenzerà le prossime decisioni, privilegiando sempre salute e sicurezza. Siamo, quindi, in procinto di comunicare le linee guida della US Travel Association da seguire e le misure locali delineate – sviluppate dalla Puerto Rico Tourism Company – nonché la pianificazione per il futuro e la preparazione per quando i turisti potranno tornare a Portorico.

Come pensi che andrà il turismo a Portorico quest’estate? E il prossimo autunno?
Come tante altre destinazioni, quest’anno la nostra stagione estiva si è spostata. Prevediamo che la fase chiave di recupero dei visitatori domestici dagli Stati Uniti [Portorico è Stato libero associato agli Stati Uniti e i residenti sono automaticamente cittadini statunitensi] avrà luogo nel terzo trimestre dell’anno, mentre i turisti internazionali dovrebbero tornare nel quarto trimestre e all’inizio del 2021. Ecco perché è così importante comunicare le misure che stiamo implementando per proteggere e rassicurare sia i visitatori che i residenti, nonché continuare a rivedere tali misure per garantire che rimangano necessarie ed efficaci.